Top Social

Slide Show

FLAN alle ERBETTE, SPECK e ZUCCA


Sono sempre stata, sin da piccola, una tipa sui generis. Pensate a quelle bambine che ascoltano la mamma, stando sempre buone e in silenzio in un angolino...quella non ero certo io.
Ho sempre detto ciò che pensavo in maniera diretta, guadagnandomi etichette ed appellativi che sono passati agli annali di famiglia. Il mio punto di vista l'ho sempre espresso, non sono mai stata una di quelle bambine-poi ragazze-poi donne che per scelta non si espongono. IO MI ESPONGO SEMPRE, ogni qual volta che lo ritengo "giusto". 
Detto questo penserete che sono una tipa scontrosa, un po' accigliata, sempre all'attacco insomma. Perché se una dice sempre ciò che pensa, il più delle volte viene associata ad una personalità irruenta e perché no, anche scortese. Io invece appartengo ancora ad un'altra categoria. L'irruenza non so neppure dove stia di casa. Eppure dico sempre ciò che penso. Con gentilezza però. 
Sii sempre un po' più gentile del dovuto è il mio motto. 

L'altro giorno mi è stato detto:"l'estrema gentilezza nelle persone che non si espongono mai, fa pensare ad una mancanza di coraggio; tu invece, che dici sempre tutto in maniera così diretta, seppur con il sorriso sulle labbra, denoti doti di spiccata apertura mentale". Credo sia tra i complimenti più belli che mi siano mai stati fatti. 
Starete pensando come mai in un blog  di cucina si affrontino argomenti psico-comportamentali per nulla pertinenti con il cibo. La verità è che nella lista dei buoni propositi per il nuovo anno c'è anche questo; c'è la voglia di raccontarsi e di farsi conoscere, di essere più "vicina" a chi mi legge, di utilizzare queste pagine anche come diario personale (nei limiti del possibile ovviamente!). 
Credo sia giusto non precludermi questa strada, credo mi aprirà nuovi orizzonti e nuove porte.

FLAN alle ERBETTE, SPECK e ZUCCA
INGREDIENTI per 4 persone:
8 Uova
50 gr di Speck in dadini
50 gr di Groviera grattugiato
200 ml di Latte intero
Una manciata abbondante di erbette fresche (spinacini, insalatina, rucola, bietoline ecc)
1 Scalogno
1 Foglia di Alloro e 1 Rametto di Rosmarino
1 Noce di burro
150 gr di Zucca al netto degli scarti
Olio evo, Sale e Pepe q.b
TEMPI DI PREPARAZIONE, DIFFICOLTA' & COSTO:
Tempo di lavorazione 20’
Tempo di cottura 35’
Difficoltà bassa
Costo a porzione euro 1,25
PREPARAZIONE:
Affettate sottilmente lo scalogno e fatelo appassire con un filo d’olio evo, alloro e rosmarino.
Intanto riducete in dadolata piccola la zucca ed aggiungetela allo scalogno, salate, pepate e portate a cottura in 15-20’ con coperchio a fiamma dolce.
Preriscaldate il forno a 200°C con modalità ventilata ed imburrate la Terrina di cottura (la mia è di LeCreuset).
Tritate a coltello le erbette precedentemente scelte, lavate ed asciugate.
Sbattete con le fruste elettriche (cercando di gonfiare il più possibile il composto) le uova con sale, pepe, groviera grattugiato e latte.
Aggiungete le erbette, la zucca e lo speck.
Travasate il composto nella terrina e cuocete per 30-35’.
Stampa la Ricetta.


Alla prossima.


DI CINEFILI, BEFANE E CASSATE CON SCULTURE DI CARAMELLO.


Ieri sera non riuscivano ad addormentarsi tant'era forte la voglia di vederla volare sulla Scopa Magica...loro sono fatti così, sono di quei bambini che credono a tutto, d'altronde tale madre - tali figli...Christian si è alzato da letto almeno 10 volte, 3 volte per bere, 3 volte per andare in bagno ed il resto delle volte si è affacciato dalla porta della sala per chiedere: "E' arrivata?!". Io e Antonio stavamo guardando un film di qualche anno fa che avevano dato alla Tv e che ci era piaciuto così tanto da registrarlo e così ci siamo trattenuti fino alle 24:00 sul divano, cercando di guardare il film mentre Christian faceva vai e vieni dalla cameretta. Alla fine per restare a letto gli ho dovuto dire che la Befana era passata già due volte ma siccome Loro erano ancora svegli, era volata via e sarebbe ripassata per una terza volta, e che se li avesse trovati svegli non sarebbe più passata!. Dopo 10' dormivano!.
Tornando al film, io e mio marito siamo dei cinefili, prima che arrivassero i bambini andavamo al cinema almeno 2 volte alla settimana, poi si sa come vanno certe cose, notti insonni, pannolini e poppate non si coniugano proprio bene con il cinema! Siamo riusciti a riappacificarci con questa passione un annetto dopo la nascita di Giada, ci andavamo separatamente però, mentre uno badava alla bambina - l'altro andava al cinema e viceversa. Poi via via Antonio se ne è sempre più privato per dar spazio a me, soprattutto dopo la nascita di Christian, e così ho pensato di fargli un regalo, anzi di farci un regalo, e nonostante io sia tutt'altro che tecnologica e non guardi alcun genere di programma tv, ho fatto installare un mega televisore con home teathre di fronte al divano che utilizziamo solo per il cinema e le belle serie tv...certo non è la stessa cosa del cinema (anche perché noi per principio non andavamo neppure nelle multisale, piuttosto nei piccoli cinema indipendenti), però ci aiuta tanto a tenere a bada la ns cinefilia...appena possiamo però scappiamo al cinema.


Stamattina si sono svegliati prima di tutti, li ho visti passare davanti alla porta della camera matrimoniale mentre ero ancora a letto, si tenevano per mano e camminavano in punta di piedi. Appena sono arrivati in sala ho sentito Christian affermare a gran voce:"E' PASSATA!!!". 
Mi sono subito alzata dal letto, non ho fatto in tempo ad arrivare in sala che c'erano già i pacchetti aperti ed i dolciumi tirati fuori dalle calze. Avevano gli occhi che gli brillavano.

Vi lascio con la ricetta della Cassata con Scultura di Caramello, mi aspettano già tutti in postazione sul divano, la famiglia cinefila è pronta per la visione di Cinderella 2015: Buona giornata della Befana!.

CASSATA CON SCULTURA DI CARAMELLO
INGREDIENTI per uno stampo da 28 cm di diametro
Per il Pan di Spagna:
4 uova
120 g farina
120 g zucchero
1 pizzico di sale
2 cucchiaini lievito per dolci

Per la Crema alla ricotta:
750 g ricotta di Pecora
350 gr zucchero a velo
500 ml di Crema di Latte fresca
5 fogli colla di pesce (10 g)
70 ml latte
30 ml di Rhum

Per la decorazione:
Zucchero Semolato q.b.
Zucchero a velo q.b.
Ribes Rossi q.b.
TEMPI DI PREPARAZIONE
Tempo di Lavorazione 1h
Tempo di Cottura 20’
Tempo di Risposo 6h
PREPARAZIONE:
Con le fruste elettriche montare le uova con lo zucchero ed un pz. di sale finchè il composto diventa gonfio e cremoso. Preriscaldate il forno a 170°C con modalità statica.
Setacciate la farina con il lievito ed unite poco per volta al composto di uova montato mescolando delicatamente con una spatola da pasticceria, con movimento dall’alto verso il basso facendo attenzione a non smontare il composto.
Suddividete l’impasto in 2 teglie imburrate da cm 26-28 di diametro (io ho utilizzate queste di Pavoni)
Cuocete per circa 15’.
Sfornate e lasciate freddare su delle gratelle da pasticceria.
Intanto dedicatevi al ripieno.
Fate ammollare la colla di pesce in acqua fredda.
Montate la panna con lo zucchero a neve ferma.
Unite infine la ricotta.
Fate scaldare il latte in un pentolino insieme alla colla di pesce strizzata, a fuoco bassissimo mescolando finchè la colla di pesce è ben sciolta.
Unite il latte con la colla di pesce alla ricotta.
Aggiungete il rhum ed amalgamate bene il tutto.
Prendete uno stampo a cerniera da 28 cm ed eliminate il fondo utilizzando solo la parete che adagerete intorno ad uno strato di Pan di Spagna precedentemente posizionato sull’alzatina di presentazione.
Ricoprite il Pan di Spagna con la crema alla ricotta e posizionatevi sopra il secondo strato. Ponete in frigo almeno 6 ore prima di servire.
Intanto preparate la scultura di caramello facendo fondere 4 cucchiai di zucchero semolato in un padellino antiaderente.
Appena lo zucchero sarà fuso ed avrà un colore ambrato, stando attenti a non scottarvi, intingete una forchetta nel caramello ed alzate ed abbassate la forchetta tirando i fili che si creeranno e poggiandoli su carta forno.
Ritingere la forchetta nel caramello solo quando non “fila” più quando la muovete.
Prima di servire la torta, eliminate l’anello della tortiera, spolverate con zucchero a velo e decorate con la composizione di caramello e ribes freschi.

*Consiglio: Fate attenzione quando maneggiate il caramello in quanto le temperature raggiunte dallo zucchero fuso possono provocare ustioni.

Alla prossima.
A.