Top Social

TARTELLETTE AGRODOLCI ALL'ARANCIA E FOCACCELLE ALLE OLIVE DEL CILENTO.

|

L'11 Febbraio è stato il mio compleanno, il mio 34esimo compleanno.
Ho un marito, due bambini piccoli, un lavoro da foodwriter da edicola che mi piace tanto, una casa ancora da finire e mille sogni nel cassetto. Uno in particolare desidererei si avverasse entro quest'anno.
Sono felice. Mi rendono felici le piccole cose, come girovagare per mercatini in cerca di latte smaltate vintage.
Con la fantasia viaggio tanto.
Qualche giorno fa sono volata nel Cilento, non era inverno lì, sarà stato Maggio o forse inizio Giugno.
Ero in giro per i vicoli di Santa Maria di Castellabate, quando un profumo inebriante di pane appena sfornato mi convinse ad entrare dal fornaio. Lui, mi offrì una pagnotta di pane fatta con il Grano Russulidda e Ianculidda e mi consigliò di passare da Ciro, due portoni più avanti, per prendere il Caciocavallo podolico. Costabile il fornaio (Costabile nome del Santo Patrono), mente mi porse il pane mi disse: "Signo' peccato che non è ancora periodo, perché la morte sua è mangiato caldo assieme al Fico Bianco del Cilento, una prelibatezza, si scioglie in bocca!". Gli risposi con un sorriso sapendo che sarei ritornata senz'altro per assaggiare il tanto rinomato frutto Cilentano. Dopo il giro tra i vicoli andai alla casetta che mi ospitava, uffh che scarpinata con tutte quelle scale! Antonio mi aspettava in cucina, una cucina tutta piastrellata di maioliche color acquamarina e blu.


Fui folgorata dalla bellezza dell'enorme tavolo con piano in marmo bianco un po' consunto che troneggiava al centro della stanza, protagonista indiscusso della cucina; dovete sapere che per anni Reginella, l'anziana proprietaria, ci ha impastato sopra le Lagane e pulito chili e chili di pesce per preparare la miglior zuppa del paese. Antonio, Suo marito (Suo marito ha lo stesso nome del Mio, coincidenze...) adora le zuppe di pesce di Reginella, secondo lui neppure a Capri, Ischia e Procida sanno farne di migliori - credo proprio che la prossima settimana dovrò farvi un salto per sondare la tesi di Antonio.
I miei bambini però non erano in cucina con Noi, loro si stavano divertendo in spiaggia con Maria, la figlia di Reginella, ma potevo sentire le loro risate tanto la spiaggia era vicina...salii sulla terrazza all'ultimo piano, quella dove Reginella stende le lenzuola che profumano di marsiglia, riuscii addirittura a vederli mentre facevano le capriole sulla sabbia.
Calata la sera, le ragazze del paese si muovevano in gruppi di 2 alla volta della casa di Reginella, per raccontarle i sogni fatti la notte prima. Lei misteriosamente sa interpretarli come faceva Sua Madre e prima ancora Sua Nonna. Restai incuriosita da questa pratica che inizialmente trovai folcloristica, ma che poi mi spiazzò per la veridicità dell'interpretazione. Decisi di provare. Dapprima Le raccontai un singolo sogno, ma poi mi feci prendere la mano e Le raccontai tutti i sogni dell'ultimo periodo. Lei mi fissò e disse: "Attendi speranzosa una chiamata...arriverà la buona nuova che attendi, devi solo pazientare". Mi sentii immediatamente risollevata. Il mio 34esimo anno d'età mi regalerà ciò che attendo con trepidazione già da qualche anno. Appagata decisi che era ora di ritornare a Reggio, ma ci tornerò da Reginella, gliel'ho promesso. Mi salutò porgendomi una sporta di paglia con dentro delle cibarie, mi disse: "Fanne buon uso e non smettere mai di sperare, arriverà presto".
Tornata a Reggio, aprii la sporta e ci trovai un vasetto di Olive salella ammaccate del Cilento, delle Arance del giardino di Reginella ed un pacchetto di farina di Grano Russulidda e Ianculidda con sopra scritto: "Da Costabile"...ne farò buon uso, con la farina e le olive preparerò delle focaccelle e con le Arance ne farò delle tartellette agrodolci che chiamerò "di Reginella".


TARTELLETTE AGRODOLCI ALL'ARANCIA DI REGINELLA
INGREDIENTI per 8 Tartellette da cm 12 di diametro

Per la pasta:
200 gr di farina di Grano Russulidda e Ianculidda
50 gr di Zucchero semolato
100 gr di burro freddo a dadini + q.b. per imburrare gli stampi
50 ml di acqua ghiacciata

Per la farcia:
6 Uova
Abbondante Rosmarino
Succo e scorza grattugiata di 1 Arancia Bio
50 gr di Parmigiano grattugiato
250 ml di Crema di Latte fresca
Sale e Pepe q.b.

Occorrente:
Stampini tondi da tartelletta cm 10-12 di diametro.

TEMPI DI PREPARAZIONE:
Tempo di lavorazione 30’
Tempo di cottura 30’
Tempo di Riposo 30’
Difficoltà bassa
Costo a porzione euro 0,70

PREPARAZIONE:
Ponete nel mixer il burro con la farina e lo zucchero e procedendo ad impulsi mixate il tutto velocemente sino ad ottenere un composto sabbioso.
Travasate il composto sulla spianatoia leggermente infarina e formate un cratere al centro del quale porrete l’acqua ghiacciata che seguirete ad impastare velocemente senza surriscaldare troppo l’impasto.
Date la forma di un disco ed avvolgete con pellicola.
Fate riposare per 30’ in frigo.
Intanto tritate sottilmente il rosmarino.
Sbattete le uova con il rosmarino, sale, pepe, parmigiano, succo d’arancia e crema di latte.
Trascorso il tempo di riposo della pasta, ri-lavoratela velocemente, stendetela sottilmente con il matterello e foderatevi gli stampi precedentemente imburrati.
Bucherellate leggermente il fondo della pasta e siddividetevi sopra il composto di uova aromatico.
Cuocete per 25-30’ in forno preriscaldato statico a 180°C.
Guarnite con zeste grattugiate d’arancia.
FOCACCELLE ALLE OLIVE DI COSTABILE
INGREDIENTI per 800 gr circa di prodotto:
500 gr di farina di Grano Russulidda e Ianculidda + q.b. per la spianatoia
20 gr di lievito di birra fresco
180 ml di acqua a temperatura ambiente
60 gr di Crescenza a temperatura ambiente
100 gr di Olive salella ammaccate del Cilento
90 ml di Olio evo + q.b. per spennellare
20 gr di Miele
13 gr di Sale
TEMPI DI PREPARAZIONE:
Tempo di preparazione 30’
Tempo di cottura 25’
Tempo di riposo 2h
Difficoltà Bassa
Costo al kg euro 1,30
PREPARAZIONE:
Ponete l’acqua in un’ampia ciotola, scioglietevi dentro l’olio, il miele ed il lievito.
Aggiungete prima la crescenza ridotta in dadini, poi le olive precedentemente denocciolate e ridotte in rondelle, poi la farina.
Sopra la farina inserite il sale.
Impastate il tutto energicamente per 10’.
Riponete in lievitazione in una ciotola imburrata e oleata con pellicola.
Fate lievitare per circa 1h in forno spento ma con luce accesa.
Stendete l’impasto con il matterello ad uno spessore di circa 1 cm e coppate la pasta con un tagliabiscotti (io ho utilizzati questi in metallo di Pavoni) ricavandone tanti dischi.
Riponete i dischi di pasta su di leccarde foderate di carta forno, spennellate con olio evo e fate riposare in forno spento ma con luce accesa per circa 1h’.
Cuocete in forno preriscaldato a 180°C con modalità statica per circa 20-25’o sino a doratura.

Al prossimo viaggio...



3 commenti on "TARTELLETTE AGRODOLCI ALL'ARANCIA E FOCACCELLE ALLE OLIVE DEL CILENTO."
  1. Pura poesia il Tuo Blog, ogni volta che ci passo resto estasiata, dal Tuo modo di scrivere, dalla bellezza delle immagini, dalla delicatezza della grafica, stupendo.
    Daniela.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Le Tue parole sono poesia Daniela, poesia per il mio spirito sempre troppo autocritico verso quello che faccio...mi fa piacere apprendere che traspare l'impegno che ci metto.

      Grazie di cuore.
      A.

      Elimina
  2. Ciao Antonella.... Chi cerca trova... è vero!!! Ma vieni a cercare nel posto giusto. Scopri la crema di olive nere.... e poi mi dirai.... su http://www.vitalbios.com/A/MTQ2NTQxMDk1OSwxMDAwMDA1LGNyZW1hLWRpLW9saXZlLW5lcmUtMTgwLmh0bWwsMjAxNjA3MDYsb2s=

    RispondiElimina