Top Social

Slide Show

IL RISOTTO IN ZUCCA


Non ho mai festeggiato Halloween. Sono Italiana, la mia famiglia è cattolica da sempre. Sono però aperta al confronto, un mondo bianco o nero sarebbe triste...ciò nonostante non festeggio il 4 Luglio con un tacchino ripieno, non ho alcuna Indipendenza da onorare solo perché negli States si fa così...e per Halloween vige la stessa regola. 
La festività dei Santi e dei Defunti in casa mia è sempre stata onorata nella maniera più classica possibile, credo che buona parte degli Italiani delle vecchie generazioni sia stato abituato ad andare al cimitero a "visitare" i propri cari defunti, che si accendano candele e lumini e si omaggìno i defunti con fiori freschi. Perdonatemi ma non ho mai visto e sentito parlare di cattolici che andando al cimitero bussassero al custode chiedendogli: "Dolcetto o Scherzetto?". Nè tantomeno ho visto bambini travestiti da scheletri scorrazzar per il cimitero.
In merito alle Zucche utilizzate come ornamento, il loro utilizzo nelle case italiane prescinde dalla festa di Halloween. Le Ns Nonne avevano le Zucche in cucina perché questo è periodo di Zucche!. Le famiglie, soprattutto quelle di origini contadine, avevano le zucca per casa perché erano doni della terra di quel periodo. Se dunque oggi adorno il centrotavola con qualche zucca è perché è periodo di Zucca, nel periodo dell'uva e delle mele faccio uguale!.


Non sono anti-americana (lo so che lo state pensando!), anzi gli americani mi stanno simpatici, come possono starmi simpatici gli asiatici e i nordeuropei...non sono una di quelle persone che quando si dice "America" si piegano ad ogni moda o costume: sono orgogliosamente campanilista (...e le mode, scusatemi, ma quelle me le sono sempre fatta da sola!).
In questi giorni in casa c'è qualche zucca ma il mood resta pur sempre Italiano, con convinzione. 


Non dimenticatevi di accendere qualche candela, il senso della festività di questi giorni, per i Cattolici è proprio questo: Onorare i Defunti. Niente più, niente meno.


Vi lascio con la ricetta del Risotto "in Zucca"...Buona domenica e Buona festa dei Santi e dei Defunti.

RISOTTO IN ZUCCA
INGREDIENTI per 4 persone:
1 Zucca di medie dimensioni
350 gr di Riso roma
80 gr di formaggio Asiago
700 ml di Brodo di carne caldo
1 Porro
1 Rametto di Rosmarino
40 gr di burro
Olio evo q.b.
Sale e Pepe bianco q.b.
TEMPI DI PREPARAZIONE:
Tempo di Preparazione Tot. 45’
Tempo di Cottura 20’
PREPARAZIONE:
Con un coltello ben affilato incidete la zucca tagliando alla giusta altezza la calotta superiore affinché sia possibile ricavarne “un coperchio”.
Scavate sia il coperchio che la zucca dalla polpa, avvicinandovi il più possibile alla buccia al fine di non sprecarne la polpa (in tal caso uno scovolino farà al caso Vs).
Riponete in frigo metà della polpa di zucca - che potrete utilizzare per un’altra ricetta - e riducete in dadolata piccola la restante parte.
Affettate sottilmente il porro e fatelo appassire nel burro precedente fuso con un filo d’olio.
Aggiungete poi la zucca e fatela stufare a fiamma bassissima con coperchio, solo se necessario aggiungete un mescolino di acqua calda.
Salate, pepate ed aggiungete il riso.
Fatelo tostare per un minuto e bagnate poi gradualmente con il brodo caldo sino a cottura avvenuta.
A fine cottura, se necessario salate e pepate.
Fuori dal fuoco mantecate con l’asiago ridotto a dadini ed aromatizzate con rosmarino abbondante tritato fine.
Rivestite la zucca con carta forno ed utilizzatelo come recipiente di presentazione in tavolo per il risotto.

Consiglio: Se volete riutilizzare la zucca come recipiente di presentazione per i Vs piatti autunnali, abbiate la premura di sciacquarla dopo il primo utilizzo e lasciarla “seccare” al sole all’aperto per 7-10 gg.
Potrete poi spolverarla o lavarla, asciugarla accuratamente e riutilizzarla più e più volte anche non foderata di carta forno (come invece fatto al primo utilizzo).
Se volete invece anticipare i tempi, lasciatela seccare in forno a 120°C con sportello semiaperto per 2 h.

Alla prossima.