Top Social

Slide Show

SALMONE GRIGLIATO con SALSA alla SENAPE&PREZZEMOLO....e riflessioni.

A volte mi chiedo come sarebbe la vita senza i sogni e le speranze...un attimo dopo mi rispondo da sola: "Non sarebbe vita".
A volte mi capita anche (sempre più spesso di sovente) di sentirmi "fuori dal coro"...non so sia un bene o un male in realtà. Ultimamente dopo aver espresso un pensiero pubblico a mio marito - un pensiero dei nostri, quelli che ci tengono uniti da quando avevamo circa 20 anni - mi è toccato sapere che era stato interpretato da esterni come "una frase poetica poco veritiera". Questa affermazione mi ha portato a riflettere sul perchè quel pensiero fosse stato etichettato come poco veritiero...ho concluso la mia riflessione provando quasi tristezza, ma non per me o mio marito, bensì per quegli esterni che hanno mal interpretato, provo tristezza per loro perchè sicuramente non conoscono il senso profondo di un LEGAME VERO.
Sarò anche "Alice nel Paese delle Meraviglie" a detta di alcuni, ma questa mia ME al di fuori dal coro mi piace. Mi piace che mio marito sia come me - e se ci siamo scelti non è stato un caso. Mi piace che anche i ns figli siamo DI CUORE  come Noi. Perchè in fondo i bambini sono ciò che vivono.
C'è una conoscente che ci ha definiti LA FAMIGLIA DEL MULINO BIANCO. Ad alcuni questo paragone potrebbe infastidire ma ad Alice nel Paese delle Meraviglie questo paragone piace. Alla mia ME fuori dal coro piace non essere prevenuta e lo fa con convinzione...e peccato per chi invece si angustia nel voler pensare il contrario. La negatività non fa altro che attirare altra negatività e si finisce col diventare diffidenti di ogni cosa e persona. Si finisce col trascorrere la propria vita a "guardarsi le spalle". Quanto è triste non riuscir a "vedere" il BELLO che c'è intorno perchè troppo intenti a cercare il marcio in tutto...io però sono inversamente DIVERSA e respiro felicità per quella mia visione della vita fuori dal coro: FORTUNATA ME.    
Per restare in tema di felicità non c'è miglior modo di esprimere il proprio affetto se non con un gesto d'Amore. E seppur semplice che sia, cucinare ed occuparsi di chi si vuole Bene è il gesto primordiale che svolgo da quando apro gli occhi al mattino. Mi piace occuparmi del mio compagno di vita e dei ns cuccioli. Cucinare per Amore - per quanto arcaico possa esser definito da alcuni -  resta e resterà per sempre il gesto d'affetto per antonomasia. Aldilà del tempo, delle mode e da quanta attitudine e bravura in cucina si abbia.
E siccome mio marito adora la mia SALSA ALLA SENAPE E PREZZEMOLO (a dirla tutta ne ho sempre un vasetto pronto in frigo perchè a Lui piace spalmarla anche sul pane...ebbene sì, mi piace viziarlo!), oggi Vi lascio la ricetta perchè sono sicura saprete ben utilizzarla ed adattarla. 
Io la adoro sul SALMONE GRIGLIATO!...ultimamente grazie al Grill LeCreuset ho riscoperto il piacere di grigliare anche in Autunno/Inverno...non sono più costretta ad attendere l'estate ed i barbecue all'aperto per poter gustare un buon prodotto fresco grigliato. Ho battezzato ufficialmente questo Grill come il mio accessorio culinario MUST HAVE PREFERITO TUTTO L'ANNO!...e se anche Voi amate grigliare e volete farlo con piacere, aggiungete questo Grill alla Vs Christmas Wish List: Non Ve ne pentirete ed una volta provato non ne potrete più fare a meno!...parola di una cuciniera che ne ha sviluppato una vera dipendenza!. 

TRANCI DI SALMONE GRIGLIATO con SALSA alla SENAPE&PREZZEMOLO.
INGREDIENTI per 2 persone:
2 GROSSI TRANCI DI DORSO DI SALMONE,
PREZZEMOLO FRESCO Q.B,
OLIO E.V.O Q.B,
1 CUCCHIAINO DI SENAPE DI DIGIONE,
SALE GROSSO Q.B (possibilmente del tipo "ROSA DELL'HIMALAYA").

OCCORRENTE:
BISTECCHIERA/GRILL ANTIADERENTE IN GHISA.
TEMPI DI PREPARAZIONE:
TEMPO di realizzazione della ricetta 15'
TEMPO di cottura 3'-4'
PREPARAZIONE:
ARROVENTATE LA BISTECCHIERA/GRILL SU FUOCO ALTO E SPOLVERATELA CON POCO SALE GROSSO ROSA DELL'HIMALAYA.
INTANTO LAVATE ED ASCIUGATE IL PREZZEMOLO - SCEGLIETE LE FOGLIE PIU' BELLE E STACCATELE DAL GAMBO (n.b: non gettate via i gambi del prezzemolo, potrebbero servirvi per un fondo da brodo o per una bisque di pesce.)
CON UN MIXER AD IMMERSIONE EMULSIONATE IL PREZZEMOLO CON OLIO E SENAPE SINO A CREARE UN CREMA LISCIA E VELLUTATA.
GRIGLIATE IL SALMONE PONENDOLO DAPPRIMA CON LA PARTE DELLA PELLE SULLA GRIGLIA ARROVENTATA E DOPO CIRCA 2' RIGIRATELO CON DELICATEZZA -aiutandovi con una spatola- ED ULTIMATE LA COTTURA PER 1' ANCORA.
SERVITE IL SALMONE BEN CALDO NAPPANDOLO CON LA SALSA AL PREZZEMOLO.
Buon Fine settimana.


SOGNI EDITORIALI CHE PRENDONO FORMA e TROTA IRIDEA INSENAPATA.

Le BELLE NOTIZIE quando meno Te le aspetti arrivano.
A quasi 33 anni credo sia lecito cercare una propria "giusta" collocazione nel mondo del lavoro. Io ho scelto una strada un po' anticonvenzionale (d'altronde quando mai sono stata convenzionale io - mi sembra ancora di sentire le voci dei miei parenti che me lo ripetono sin dalla più tenera età). 
La strada che ho scelto è il FOODWRITING. 
Perchè a me "inventar" ricette mi è sempre riuscito bene.
Ho sempre pensato che sarebbe stato un mondo monotono se in cucina non si fosse usata -e "osata"- l'inventiva e ci si fosse dovuti "accontentare" di ciò che era già stato ideato.

Poi però Ti scontri con una realtà difficile, oggi fare foodwriting al di fuori del proprio blog personale Ti impone d'aver anche una buona tecnica fotografica - ed anche in questo non mi sono lasciata scoraggiare. Pensate che una che adora disegnare abbia paura di una reflex? Ma no! D'altronde non si tratta d'altro che di "Disegnare con la luce" attraverso un obbiettivo. E così mi sono "lanciata" anche fotograficamente. Sviluppando uno stile tutto mio. Perchè a scuola io non ho mai copiato da nessuno!...e così anche nella vita...Esser se stessi senza farsi influenzare da mode e modelli di stile che oggi ci sono e domani non più è stato il mio mantra sin dall'adolescenza.

Poi però Ti ri-scontri nuovamente con una realtà ancora più ingarbugliata, perchè per quanto Tu sia brava in cucina e Ti sia esercitata in fotografia (manco fosse un'interrogazione d'Epica) capisci che nulla Ti viene regalato e che se vuoi riuscire devi trovare una TUA STRADA "PRECISA". 
La mia strada al momento è quella dell'EDICOLA.
Sapete che ormai da più di 1 anno tengo una mia rubrica fissa sul magazine Vivere Country in Italia e Vie à la Campagne in Francia ma da un po' di tempo sentivo l'esigenza di "allargare i miei orizzonti"...
Oggi finalmente i miei sogni prendono forma e a partire da fine gennaio il mio lavoro d'edicola si moltiplica - si triplica - si quadruplica - si quintuplica! 
DAL 19 GENNAIO IN EDICOLA UN NUOVO MAGAZINE TUTTO DI CUCINA e CON TANTE RICETTE MIE!

Sarà un duro lavoro che inizierò tra pochi giorni, ma non mi spaventa l'idea di un progetto così mastodontico da ripetere di mese in mese: quando Ti senti realizzato non c'è stanchezza che tenga, sono una tipa tosta che è abituata a sudarsi ogni singolo obbiettivo. 
Le ricette saranno tante, sarà un po' come creare 11 libri di cucina all'anno, una sorta di enciclopedia di cucina da acquistare in Edicola!

Presto Vi saprò dire di più...al momento posso però dirVi che questo magazine avrà un prezzo pocket alla portata di tutti, solo 1 EURO, affinchè tutti gli appassionati di food (ma davvero tutti) possano permettersi di collezionare ogni singola uscita. E questo mi rende ancora più felice, sapere di poter entrare nelle case di "tutti" con uno sforzo minimo (e magari tutti i mesi e non solo una volta l'anno) mi riempie di gioia.
Coming Soon....

E per restare in tema food - e visto che questo è un blog di cucina e non c'è post senza ricetta - Vi lascio la ricetta delle mie TROTE IRIDEE INSENAPATE, un modo veloce ma saporito -ed un po' piccante- di gustare del pesce cotto al forno in tempi veloci.
TROTA IRIDEA INSENAPATA
INGREDIENTI per 2 persone:
2 TROTE DEVISCERATE di circa 300 gr cad.
2 CUCCHIAI DI SENAPE DI DIGIONE
OLIO E.V.O Q.B.
SALE FINO Q.B.
PREZZEMOLO TRITATO FRESCO Q.B
FETTE DI LIMONE
TEMPI DI PREPARAZIONE:
TEMPO di REALIZZAZIONE TOT. 30'
TEMPO di COTTURA 20'
PREPARAZIONE:
PRERISCALDATE IL FORNO A 180°C.
INTANTO SQUAMATE E LAVATE ACCURATAMENTE LE TROTE PRIVANDOLE DELLE PINNE.
SALATE LA CAVITA' INTERIORE E FARCITELA CON FETTE DI LIMONE E PREZZEMOLO.
CREATE UN'EMULSIONE CON SENAPE ED OLIO E SPENNELLATELA SULLA SUPERFICIE DELLE TROTE.
SALATE E CUOCETE IN FORNO PER CIRCA 20'.
SPELLATE E SERVITE SUBITO.
Stampa la Ricetta.


Buon w.e.


POLLO ARROSTO AL LIMONE & STORIE DI UNA PROVETTA INFERMIERA

Ho sempre avuto un'avversità recondita per la classe medica. E non per qualche trauma infantile, anzi. Il mio medico da bambina, il Dott. Marzano era gentile e simpatico, era il medico di famiglia dai tempi della Nonna Lillina ed ho un ricordo ottimo di Lui. "L'orticaria da Medico", da altro Medico oltre al mio, quella ce l'ho sempre avuta però, insieme alla paura degli aghi e di tutto ciò che è chirurgico, ed oggi quando ancora a 32 anni faccio storie per fare una visita medica stento a credere d'aver dato alla luce due figli.
In ogni modo, scherzo del destino vuole che in quest'ultimo periodo, causa problemi alla schiena di Antonio, per necessità mi sono dovuta improvvisare Infermiera di mio marito...tra le righe: lui dice che detta così - INFERMIERA DI MIO MARITO - fa un po' ridere ed è allusivo...ma forse è allusivo solo per Lui in quanto uomo/maschio! Trovo invece che non ci sia niente di divertente in tutta questa storia visto che mi sono dovuta improvvisare addetta alle Iniezioni :( 
Di preparazione c'è stato un summit telefonico con mia mamma che da oltre 600 km di distanza ha tentato di spiegarmi come fare. Ora, detto tra noi, pensate che una telefonata possa servire? Decisamente no. 
E dunque, dopo aver fatto un po' di ricerche in rete ed un  intenso training autogeno per sconfiggere la paura dell'ago mi sono detta che forse la teoria in certe cose conta relativamente e che la miglior scuola è sul campo.
Ho quindi detto a mio marito: "Calati i Pantaloni" (...anche questa non è allusiva giuro...) e così tutto d'un fiato gli ho fatto la prima iniezione.
Lui: "Già fatto? Non ho sentito nulla"...
Uffh sospiro di sollievo per entrambi! 

Ad oggi ho perso il conto di quante iniezioni gli abbia fatto nell'ultimo periodo, fatto sta che ormai inietto ad occhi chiusi!

E fu così che ad amalgamare con delicatezza i composti soffiati in cucina mi venne il "tocco leggero"! Ritornato utile in svariati campi!.
Succede che poi dopo le iniezioni al marito gli vien fame ed un buon POLLO ARROSTO AL LIMONE è proprio quello che ci vuole!

POLLO ARROSTO AL LIMONE
INGREDIENTI:
1 Pollo intero aperto a metà di 1,200 gr
1 Limone bio
4 Patate medie
Olio e.v.o
Sale e Pepe q.b
Salvia e Rosmarino q.b
TEMPI DI PREPARAZIONE:
TEMPO DI REALIZZAZIONE TOT. 2h
TEMPO DI COTTURA 1h
PREPARAZIONE:
Pulite e fiammeggiate il pollo (se necessario).
Marinatelo in acqua e succo di Limone per 1h.
Intanto pelate le patate e tagliatele in spicchi.
Salatele, pepatele ed irroratele con poco olio e.v.o.
Preriscaldate il forno a 200°.
Sciacquate ed asciugate il pollo, salatelo e pepatelo, oleatelo e ponetelo in una teglia foderata di carta forno contornato dalle patate.
Tritate grossolanamente le aromatiche e disponetele sul pollo.
Cuocete in forno statico per 1 h circa.
Se le patate risulteranno abbrustolite prima del pollo, copritele con carta alluminio e continuate la cottura della carne. 

E' un pollo semplice ma saporito che piacerà di sicuro a tutti, iniezioni a parte!

A presto


PESCE SPADA CON SCALOGNO CARAMELLATO & RITORNI...

Sono Tornata! Nuovo post dopo 1 mese di assenza: mi siete mancate tanto e non ho remore nel confessarlo, Voi amiche virtuali che mi seguite con affetto siete diventate una seconda famiglia.
Quante cose sono successe in questo mese, le Amiche che mi seguono su Fb e Ig sono abbastanza aggiornate ma per chi mi non lo fosse Vi aggiorno anche quì: Allora, con la casa nuova procediamo, nonostante qualche ritardo confidiamo nel riuscire a trasferirci quanto prima. Ormai manca davvero poco, l'impresa edile ha fatto un lavoro stupefacente, la casa è irriconoscibile. E' davvero grande, più grande dell'altra (prima in 130 mq dicevo di non aver spazio per i miei utensili da cucina, stavolta non avrò scusanti in 150 mq!). Il mood della casa è romantico ed un po' parigino anche se la scelta dei materiali è made in Italy al 100%. La casa sarà molto luminosa, tanto bianco e panna con un tocco di Azzurro polvere (appena sarà finita Vi farò un post-hometour!). Nonostante lo stile classicheggiante del complesso, nella cucina ci saranno elettrodomestici all'avanguardia come un mega frigo all'americana con dispenser per il ghiaccio (finalmente potrò fissare con il colore delle verdure sbollentate velocemente grazie al ghiaccio sempre a portata di mano!), ci sarà un piano in Okite per impastare senza pensieri, un blocco cottura professionale e 2 forni pirolitici. Il giardino è in via di definizione, appunto qualche giorno fa su Ig Vi spiegavo che a Reggio Emilia bisogna chiedere l'autorizzazione per tutto, inclusi gli alberi da piantare in giardino e dopo 40 gg. di lunga attesa e burocrazia ed il sopralluogo del perito comunale sono riuscita ad avere l'autorizzazione per creare un giardino fiorito e quindi via libera ad una profumata siepe di Ligustrum, Alberi di Pirus, Malus e Lagerstroemia; immancabile un piccolo orto ed un angolo ben fornito di aromatiche, Albero di Pesche e Limoni (per iniziare!) ed Ortensie e Lavanda. Già presenti rosai stupendi e ben radicati da più di 20 anni che anche a Novembre mi stanno regalando stupende rose e fato ha voluto che nel giardino fossero già presenti da oltre un ventennio varie qualità del mio fiore preferito, la PEONIA, di cui una variante ad alberello che è fantastica.
 Al momento siamo in un alloggio temporaneo ma presto i miei bimbi avranno una cameretta cad. ed un giardino nel quale giocare. Teniamo duro, io e mio marito siamo motivati e non ci scoraggiamo facilmente, siamo dei combattenti e quando puntiamo ad un traguardo ci fermiamo solo quando l'abbiamo raggiunto, per la serie "Dio prima li fa e poi li accoppia!".

In questo periodo nonostante tutto, professionalmente ci sono state delle novità, le mie rubriche food sui magazine della Lotus da Gennaio saranno estese anche ad un altro magazine Tedesco ed è inutile dirVi che la felicità è tanta...
Detto tutto (o quasi!) passiamo alla prima ricetta dopo il ritorno, pubblicata qualche mese fa su Vivere Country, il PESCE SPADA CON SCALOGNO CARAMELLATO è il piatto ideale per gli amanti del pesce che non vogliono rinunciare ai gusti decisi. Di solito invento quando sono in cucina, non seguo mai una ricetta precisa, mi faccio guidare ed ispirare dagli ingredienti e stavolta Vi dirò che l'esperimento ha superato le aspettative, soprattutto quelle dell'assaggiatore ufficiale: Mio Marito!.
Per la cottura di questo Spada ho utilizzato una Pirofila in Gres LeCreuset, bella da portare in tavola anche dopo la cottura.
PESCE SPADA CON SCALOGNO CARAMELLATO
INGREDIENTI PER 2 PERSONE:
2 TRANCI SPESSI DI PESCE SPADA FRESCO
1 GROSSO SCALOGNO
TIMO FRESCO
1 CUCCHIAINO DI ACETO BALSAMICO
OLIO E.V.O E SALE FINO Q.B.
TEMPI DI PREPARAZIONE
TEMPO DI REALIZZAZIONE TOT.35'
TEMPO DI COTTURA TOT. 24'
PREPARAZIONE:
PRERISCALDATE IL FORNO A 180°C.
INTANTO AFFETTATE SOTTILMENTE LO SCALOGNO E PONETELO IN UNA PIROFILA.
CONDITELO CON TIMO SFOGLIATO, SALE, OLIO ED ACETO BALSAMICO.
CUOCETE IN FORNO PER CIRCA 20' O SINO A QUANDO LO SCALOGNO NON RISULTERA' COMPLETAMENTE COTTO.
A PARTE OLEATE UNA PIROFILA (per me pirofila in gres LeCreuset).
SALATE DA AMBO I LATI IL PESCE SPADA ED ADAGIATELO NELLA PIROFILA AVENDO L'ACCORTEZZA DI OLIARLO BENE DA AMBO I LATI.
CUOCETELO IN FORNO CALDO AL MAX PER 2' PER LATO.
SERVITE SUBITO GUARNENDOLO CON LO SCALOGNO TIEPIDO.

Oggi tra le tante cose è anche il compleanno del mio ometto che compie 3 anni! Sembra ieri che è nato...quanto amore mi regala ogni giorno.

A presto.