Top Social

Slide Show

CENTERPIECE EASTER FLORAL AND INSPIRATIONS


Tra poco arriverà la Primavera e con essa la Pasqua, ecco le mie proposte di centrotavola floreali

Spero di esserVi stata d'ispirazione.
A presto

DESSERT "VELOCE" AL CUCCHIAIO: IL SORBETTO...

Ci sono situazioni in cui ci si trova nella condizione di dover preparare un dessert in poco tempo: Vi è mai capito un invito all'ultimo momento? A me sì! L'ultima volta ho risolto con un dessert al cucchiaio con base di pan di spagna imbevuto di sorbetto e guarnito con frutta fresca.

Ecco come ho fatto:
Ho preparato un Pan di Spagna alto 1 cm (ho utilizzato le dosi di 1/2da questa ricetta qui), cucinato nella teglia bassa per pizza, dato il bassissimo spessore della pasta, la cottura è stata velocissima. Ho poi coppato il Pan di Spagna prendendo la giusta dimensione del bicchiere in cui ho servito ed ho composto a strati il dessert partendo da uno strato di Pan di Spagna intervallato da Sorbetto al limone, un secondo strato di Pan di Spagna ed a chiudere ancora sorbetto, ho infine finito con frutta fresca.

...affondate il cucchiaio nel sorbetto e pescate anche il Pan di Spagna...
Vi assicuro che è buonissimo!


Alla prossima

PANE AL LIMONE

Oggi Vi propongo la ricetta del mio Pane al Limone, un pane profumato e ideale per accompagnare secondi di pesce o insalate ma anche per farci la merenda: buono sia in purezza che con un velo di marmellata.
Ed anche se fuori c'è ancora brutto tempo, la Primavera e la Pasqua si avvicinano e con esse tutta una serie di ricette "fresche e profumate" che evocano i ricordi ed il desiderio della bella stagione.


Ingredienti:
  • 500 gr di Farina biologica Arifa di Ruggeri, una miscela di Farine di Grano Tenero, Semola di Grano Duro, Farina di Farro e Farina di Mais
  • 55 gr di Lievito Madre "in polvere" di Ruggeri o nel caso vogliaTe usare un lievito fresco compresso Ve ne occorreranno 15 gr
  • 60 gr di Succo di Limone
  • Scorza grattugiata di 1 Limone bio (io mi sono aiutata con una grattugia Zester di Microplane)
  • 250 gr di Acqua a T.A
  • 10 gr di Sale e 10 gr di Zucchero
  • Per lucidare: 1 uovo sbattuto insieme ad 1 pz di sale e 15 ml di latte.
Preparazione:
In un'ampia ciotola ponete l'acqua ed il lievito e mescolate, aggiungete il succo di limone, la farina, la scorza di limone, lo zucchero ed il sale - ed impastate energicamente.
L'impasto risulterà soffice ma compatto; una buona farina è fondamentale, questo perchè una farina di qualità assorbe meglio i liquidi - pensate che con la stessa dose di ingredienti, ma utilizzando una farina scadente e troppo raffinata il composto risulterebbe molle e troppo umido, nella panificazione la qualità dell'ingrediente principale è di fondamentale importanza per la riuscita di un buon prodotto.
Oleate un recipiente e ponetevi dentro a lievitare il Vs impasto coperto da pellicola, in luogo riparato (tipo in forno) per 1 h.
Dopo il primo tempo di riposo, porzionate l'impasto in piccoli panini da 50-60 gr cad. (oppure fateci un filoncino, piuttosto che una treccia...) e dopo avervi dato la forma desiderata, lucidate con una spennellata del composto di uovo,sale e latte.Fate rilievitare ancora per 1 h. al riparo.
Cuocete in forno preriscaldato con modalità statica a 220 C° per 20' se optate per il formato panino oppure a 180 C° per 45-50' se optate per un formato di pane pezzatura grossa...una dritta: consiglio di cuocere a vapore, mettendo 4-5 cubetti di ghiaccio in una pirofilina sulla griglia inferiore del forno, otterrete un pane sofficissimo.

A presto

PIZZA RIPIENA: LA PUGLIA e le CIME DI RAPA...

Quest'Estate quando siamo stati in vacanza in Puglia abbiamo assaggiato questa pizza ripiena dall'aspetto rustico e dal sapore deciso, ce ne siamo subito innamorati: è deliziosa.


 Ingredienti:
  • 750 gr Pasta per Pizza - per gli ingredienti e la preparazione Vi rimando a questo mio post - per preparare la pasta per pizza ho usato la farina biologica Arifa di Ruggeri, una miscela di Farina di Grano Tenero, Semola di Grano Duro, Farina di Farro e Farina di Mais; unitamente a questa meravigliosa farina ho usato il Lievito Madre "in polvere" di Ruggeri - in questo caso per 500 gr di Farina Bio ho utilizzato 55 gr di Lievito Madre "in polvere".
  • Un Fascio di Cime di Rapa
  • 300 gr di Salsiccia tipo Napoli ( senza finochietto ma dalla grana grossa: la cosiddetta "salsiccia a punta di cotello")
  • 150 gr di Provolone Piccante in fette sottili
  • 1 cucchiaino di semi di finocchietto
  • Olio e.v.o - 1/2 spicchio d'aglio privato dell'anima - peperoncino - sale - latte q.b
Preparazione:
Preparate preventivamente la pasta di pane. Pulite le cime di rapa privandole dei gambi e tenendo da parte solo le foglie, lavatele e "non" asciugatele - ponete sul fuoco il tegame con olio, aglio e peperoncino (dosate con parsimonia il quantitativo di peperoncino) ed appena l'aglio prende colore, eliminatelo ed aggiungete le cime di rapa ancora colanti dell'acqua di lavaggio - date una mescolata veloce, salate ed mettete il coperchio sul tegame (solo così si appassiranno subito...è lo stesso procedimento che si usa per cuocere gli spinaci) - se Vi accorgete che i liquidi all'interno del tegame si asciugano velocemente, aggiungete un goccio d'acqua calda e portate a cottura, ci vorranno al max 10'/13', ma fate attenzione che tutti i liquidi si siano completamente asciugati a cottura ultimata.
A parte ponete sul fuoco una padella priva di grassi e sbriciolatevi dentro la salsiccia, lasciatela rosolare bene, in 5' sarà pronta. Ovviamente non salatela.
Preriscaldate il forno con modalità ventilata alla max potenza. Rivestite una grossa teglia ( io ho usato direttamente la leccarda del forno) con carta forno e procedete a dividere in 2 parti la pasta per pizza, stendetela sottilmente (se volete usate il matterello, ma non si dovrebbe!Diciamo che è un insulto ai maestri pizzaioli, io non lo uso, ma se non avete abbastanza dimestichezza nel farlo a mano, i maestri pizzaioli capiranno!) ed adagiate una parte della pasta sulla carta forno nella teglia e l'altra tenetela da parte sulla spianatoia, Vi servirà come chiusura.
Per la farcitura: Sistemate sulla pasta le cime di rapa, poi la salsiccia, poi le fette di provolone ed infine cospargete il tutto con il finocchietto. Richiudete con l'altra pasta e praticate delle incisioni affinchè la pasta non si gonfi - io per gusto personale non tendo mai a chiudere ogni genere di pasta farcita arrotolando  i margini esterni e creando "il cordone" perimetrale esterno, non mi piace proprio sia da mangiare che da vedere, preferisco di gran lunga spennellare i bordi con dell'acqua che fa da "collante" e farli aderire con una leggera pressione delle dita.
Infine ho lucidato la superficie della pasta spennellandola con un goccio di latte e poi in forno a cuocere alla max temperatura fino a doratura. Consiglio di lasciarla riposare almeno 15' prima di tagliarla.

Alla prossima

TUTORIAL: SACCHETTO PORTA-REGALO


Realizzo questi sacchetti ormai da svariati anni e per ogni ricorrenza, a seconda della grandezza del regalo che andranno a contenere taglio la carta più o meno grande ed a seconda dell'evento cambio i colori ed il soggetto della decorazione..Non acquisto sacchetti porta-regalo non so più da quanto tempo perchè in 10' posso prepararmeli da sola e di personalizzati.La scorsa Pasqua ne ho realizzati a decine con soggetti Pasquali e li ho riempiti di ovetti di cioccolato, 2 anni fa per il compleanno di Giada ne ho realizzati di piccoli con le cuciture rosa con decoro farfalle e li ho riempiti di caramelle. Userò questa versione per S.Valentino ( per contenere i biscotti di cui Vi avevo già parlato).

Tutorial, occorrente:
  • Carta da pacco (io uso il rotolo così se devo creare un sacchetto maxi non ho problemi di grandezza)
  • Filo di cotone per cucire in tonalità a contrasto con la carta
  • Macchina da cucire (OPZIONALE: ho insegnato a fare questi sacchetti ad una mia amica che non ha la macchina per cucire e lo fa a mano con un punto simile a quello "erba", il risultato è fantastico!)
  • Perforatore per creare l'occhiello del manico (OPZIONALE: fino a quando non l'ho acquistato ho sempre disegnato a matita e ritagliato con forbicine a punta sottile)
  • Timbri ed inchiostro in tono con il filo di cotone (anche questi OPZIONALI, dipende dal soggetto scelto, a volte impagino dei soggetti con il software di impaginazione e poi li stampo direttamente sulla carta pacco e se il sacchetto è più grande del formato A4 della stampante, opto per lo scrapbooking - soggetti ricavati da vecchie pagine di quotidiani o libri - uso gli acquerelli... insomma, non c'è limite alla fantasia).

REALIZZAZIONE:

  1. Ho tagliato 2 fogli di carta nella dimensione desiderata, li ho accoppiati ed ho cucito 3 lati su 4 creando il sacchetto.
  2. Con il perforatore ho ricavato "l'occhiello-manico".In questo caso ho scelto un cuore, ma ho sperimentato anche la farfalla, il coniglio. Scegliete ciò che più Vi aggrada e non abbiate timore di usare le forbicine se non avete il perforatore, io l'ho fatto per anni.
  3. Questo passaggio è opzionale, ho unito con una cucitura i due cuoricini residui tal taglio della carta per il foro dell'impugntura, lasciando del filo di cotone da entrambi gli apici esterni ed ho fermato questo "charm" sull'apice destro della borsina.

A questo punto sono passata alla decorazione finale: ho apposto "il marchio di fabbrica" sul retro del sacchetto - mentre sul fronte ho personalizzato con una scritta in tema.


 Et Voilà: Il Sacchetto Porta-Regalo è pronto!

A presto