Top Social

Slide Show

La PERFETTA padrona di casa.

credit

Oggi tratteremo con "leggerezza" il tema della Perfetta Padrona di Casa, un tema che credo stia a cuore a molte donne. Con gli anni ho sperimentato e testato varie strategie e ad oggi l'unico consiglio che mi sento di dare è: "Sappiatevi Organizzare".

Oggi tratteremo con "leggerezza" il tema della Perfetta Padrona di Casa, un tema che credo stia a cuore a molte donne. Con gli anni ho sperimentato varie strategie e ad oggi l'unico consiglio che mi sento di dare è: "Sappiatevi Organizzare".
Con il tempo ho appurato che l'organizzazione può rendere vincenti. Di seguito vi lascio "il mio personale decalogo di sopravvivenza in serenità al Ricevimento" (!):
  1. Pensate ad un menù semplice ma raffinato, fatto da portate che si possano preparare in anticipo e la cui preparazione non vi porti via più di 30' per pietanza. In tal modo riuscirete a preparate con le Vs mani dall'antipasto al dessert senza relegarvi in cucina per una giornata intera.
  2. Avendo trascorso "poco" tempo ai fornelli Vi resta buon margine di tempo per dedicarvi alla preparazione della tavola, perchè come abbiamo già detto qui l'apparecchiatura della tavola è di fondamentale importanza tanto quanto quello che servirete in tavola.
  3. Cercate di rendere "accogliente" la Vs casa con piccoli accorgimenti che fanno la differenza, quindi organizzerete in anticipo, in caso di un ricevimento con molti ospiti, un posto dove collocare i cappotti - asciugamani puliti nei bagni - e candele a creare atmosfera. Sconsiglio le candele profumate, gli incensi ed i profumatori per la casa perchè le loro fragranze potrebbe essere fastidiose per alcuni ospiti che non gradiscono, meglio che in casa si diffonda il profumo del dolce che avete in forno piuttosto che di prodotti artificiali.
  4. Infine doccia veloce, vestiti puliti, un filo di trucco Vi renderanno impeccabili e pronte per ricevere. Se si opta per un look semplice (io opto sempre per la semplicità) per le occasioni importanti distinguiamoci con un accessorio raffinato che sia un gioiello o un foulard particolare...anche se siete in jeans e pullover con un paio di ballerine, il giusto accessorio farà la differenza.


E' ovvio che anche con un "programma" relativemente sbrigativo come questo, c'è da mettere in conto un po' di fatica. Considerate però che la soddisfazione finale sarà tanta e ripagherà ogni vs sforzo.

Mise en Place

Oggi faremo una breve lezione di Arte della Tavola: un ripasso veloce sulla giusta collocazione delle stoviglie in tavola. Perchè per quanto sia vero che una pietanza deve essere appetitosa e ben presentata per essere gradevole, anche il contesto circostante deve essere altrettanto curato. Una tavola ben apparecchiata può regalarci grande piacere anche se serviremo una pietanza molto semplice.  
credit
  1. Sottopiatto come base del "Place" - Piatto fondo ed eventuale fondina a seconda del menù.
  2. Alla destra dei piatti vanno posti: il coltello (con la lama sempre rivolta verso il piatto) e il cucchiaio.
  3. Alla sinistra dei piatti vanno poste le forchette, all'esterno quella che si userà per prima (il numero di forchette è proporzionale al numero di portate, più di 3 sono eccessive).
  4. I bicchieri vanno apparecchiati sempre nella parte superiore destra, sopra il coltello - 2 per mise en plase formale, 3 per occasioni speciali.
  5. Il piattino del pane, se previsto, va a sinistra del piatto, in linea con le posate. in questo caso il "place" risulterà ingombrante e se non avete un tavolo sufficientemente ampio, potreste trovarvi in difficoltà, ragion per cui a seconda del gusto e dell'esigenza, il piattino da pane può anche essere collocato in linea con le forchette ma nella parte superiore
  6. Il tovagliolo rigorosamente in tessuto, va posto a sinistra del piatto. Attenzione perchè una volta usato, non va più ripiegato e alla fine del pasto lo si poggia (sempre senza ripiegarlo) nuovamente sulla parte sinistra del "place".
Spero di esservi stata d'aiuto. A presto. 

CHRISTMAS Placeholder


Quest'anno i miei segnaposto Natalizi saranno molto semplici ma anche molto "buoni". Ho pensato a dei biscotti al Burro aromatizzati all'Arancia, personalizzati con i Ns nomi (ho usato un timbro da dolci). 
Vi assicuro che questi biscottini hanno un sapore delizioso, sono friabilissimi e l'aroma all'arancia gli conferisce una nota di freschezza ideale per rendere meno stucchevole il tipico biscotto al burro. 

Biscotti di Frolla aromatizzati all'Arancia - Ingredienti per 20 biscotti (taglio petit):
200gr di Farina 0 setacciata, 80gr di Zucchero a velo setacciato, 100gr di Burro a pezzetti - freddo da frigo, 2 Tuorli d'uovo, la scorza grattugiata di 2 arance non trattate, 1 pz. di sale.
Preparazione:
Nella planetaria con gancio a foglia oppure nel mixer a lame con modalità ad impulsi, amalgamate lo zucchero a velo con il burro fino ad ottenere una crema, incorporate i tuorli alla crema 1 per volta e quando incorporati unite la farina setacciata, la scorza d'arancia ed il pz. di sale - non lavorate eccessivamente con la macchina - magari finite l'impasto a mano sulla spianatoia (meglio non lavorare eccessivamente le paste frolle). Avvolgete l'impasto nella pellicola alimentare e ponetelo in frigo per 2h. Trascorso il tempo di riposo, prelevate la pasta dal frigo, reimpastatela nuovamente e stendetela tra due fogli di carta forno ad uno spessore di 4/5 mm - consiglio di aiutarvi con la carta forno perchè l'impasto è molto friabile. Procedete a coppare i biscotti secondo il vostro gusto personale utilizzando gli stampi che più vi piacciono, io ho usato lo stampo da petit perchè la forma si presta meglio all'incisione dei nomi. Preriscaldate il forno con modalità statica a 180°. Ponete i biscotti sulla placca foderata di carta forno e poneteli in frigo per altri 10'. Cuocete i biscotti (in caso di più teglie, cuocetene 1 per volta) per 10/12' a 180° C.

A presto