Top Social

TEGLIA DI PEPERONI E PATATE AL FORNO {& IL POTERE DEL PROGRAMMARE IN ANTICIPO...}

Ho programmato questo blog-post ieri mattina, ma andrà online mentre non sono a casa, alle prese con una nuova avventura culinaria della quale spero di raccontarVi presto qualcosa in più...
In tanti pensano che "programmare" sia cosa da megalomani, trovo invece sia un validissimo aiuto per un'imprenditrice di se stessa che deve coniugare lavoro, vita privata, impegni quotidiani di casa e figli. La parola "programmare" ai molti fa accapponare la pelle, a me no. Già me li immagino quei molti, "figli dei fiori style" che vivono la vita alla giornata senza mai sapere se domani si troveranno in Italia o dall'altro capo del mondo, se mangeranno riso o pasta, se andranno a lavoro o no; a me contrariamente è detta precarietà che fa accapponare la pelle!...e siccome la probabilità che il Dalai Lama ci convochi in Tibet per il giorno dopo è pressoché inesistente, direi che organizzarsi con netto anticipo sul da farsi dei giorni avvenire è un qualcosa che può solo migliorarci la vita. La mia vita da quando mi organizzo per tempo è decisamente migliore. Ho un fidato blocco planning sulla scrivania, sul quale con una settimana d'anticipo segno tutti gli appuntamenti di lavoro, ricette da fare per le riviste in quel dato giorno, sessioni fotografiche, stesura dei testi, post per il blog e cose simili. Tengo invece in borsa un'agendina personale sulla quale appunto gli impegni personali, dei bambini, delle cose da fare per la casa - ho strutturato tutto sulle stabili fondamenta della programmazione e più che una casalinga disperata che arranca dietro figli e lavoro, mi sento una family-manager!

Esercitarsi a redarre il proprio necrologio per non procrastinare più.
Andrea Giuliadori, esperto di crescita personale del blog EfficaceMente.com parla della "tecnica del necrologio" come un esercizio da cui partire, per capire davvero dove siamo arrivati, mettere insieme nero su bianco le azioni quotidiane aiutandoci davvero a comprendere...e per quanto redarre il proprio epitaffio possa apparire  orripilante, può essere un buon punto di partenza verso il cambiamento, verso la voglia di "organizzare" e perché no, programmare una nuova vita...pensateci bene, Vi piacerebbe un necrologio che fa così?:
Amava trascorrere le sue giornate a guardare video di gattini su Facebook. Le sue abilità lo avevano portato a dominare le classifiche nazionali ed internazionali di Candy Crush Saga. Gli amici lo ricordano per la sua presenza costante nelle chat di Whatsapp, che oggi appaiono tristemente deserte. Infine meritano una menzione anche le sue brillanti argomentazioni, condivise a mezzo social, sul perché i Marò sarebbero dovuti tornare in Italia.”
Assodato che ognuno di noi voglia esser ricordato per il Suo impegno tangibile e non effimero, forse farsi un bell'esame di coscienza, rimboccandosi le maniche e smettendo di dire che l'altro è stato "solo Fortunato" (la peggior offesa a mio avviso: "ma che fortuna che hai avuto!") è un primo punto di una nuova partenza consapevole.


La ricetta di questo blog-post.
La ricetta di oggi credo sarà l'ultima al forno della stagione; il caldo improvviso degli ultimi giorni non consente più temerarietà di un certo tipo!.
La teglia di Peperoni e Patate al forno è un classico, che io adoro...esisterà al mondo una persona a cui non piacciono le patate al forno? Penso si contino pochi casi - esistono di sicuro molte più persone che odiano (ingiustamente) i peperoni, protagonisti degli alimenti di una corretta stagionalità del periodo (ricordate vero che a dicembre li trovate solo al supermercato, con una parvenza plastificata?!)...mi sono detta, a proposito di procrastinazione, che forse era arrivato il momento di proporre sul blog un piatto che fonde le amate patate al forno con un ingrediente più ostico come il peperone, e giuro, non è una provocazione in tema con il blog-post di oggi, solo una sfida da lanciare agli scettici del peperone! Forza, non puoi più procrastinare neppure in questo: è ora di assaggiare i peperoni!


TEGLIA DI PEPERONI E PATATE AL FORNO
INGREDIENTI per 4 persone:
2 grossi peperoni
600 gr di patate a pasta bianca
2 scalogni
1 spicchio d’aglio
Abbondanti erbe aromatiche (salvia, rosmarino, erba cipollina, timo ecc)
Olio evo, sale e pepe q.b.
TEMPI DI PREPARAZIONE, DIFFICOLTA'
Tempo di lavorazione 20’
Tempo di cottura 45’
Difficoltà bassa
PREPARAZIONE:
Preriscaldate il forno a 200°C con modalità ventilata e nel frattempo pelate le patate e riducetele in spicchi.
Sciacquatele con acqua fredda affinché perdano tutto l’amido.
Asciugatele con carta assorbente e conditele con sale, pepe ed un filo olio.
Fate cuocere in una grande pirofila per 20’.
Nel frattempo preparate un battuto tritato fine con l’aglio, gli scalogni e le aromatiche.
Private i peperoni del picciolo, dei filamenti e semi interni e riduceteli in listarelle della stessa dimensione.
Ponete peperoni e battuto in un’ampia ciotola e condite con sale, pepe ed olio evo.
Prelevate la teglia da forno, mescolate le patate ed aggiungete nella pirofila i peperoni che con delicatezza amalgamerete alle patate.
Rimettete in forno per ulteriori 25’.
Servite caldo o a temperatura ambiente.


Al prossimo racconto commestibile,
A.


P.S: La pirofila rettangolare in grès color cotton ed i macina-sale e macina-pepe sono di LeCreuset.

CANNOLI SALATI DI PASTA PHYLLO {& LA GITA A VINCI - IN TOSCANA}.

Nell'ultimo blog-post, risalente a 14 gg. fa, Vi avevo detto che mi sarei presa una piccola vacanza e che sarei stata in Toscana per ritemprarmi un po', e così è stato, la campagna Toscana mi ha regalato pace e tranquillità, ciò di cui avevo realmente bisogno dopo un lungo periodo non stop.
Tornata a casa mi sono presa un'altra settimana sabbatica, che certo non è un anno, ma mi va bene lo stesso. Diciamo che la fine della scuola e delle varie attività sportive di Giada mi hanno concesso di staccare un po' la spina su tutti i fronti.
Era giusto così, era la cosa migliore da fare.
Quando si è saturi non si può fare altrimenti che staccare la spina se non si vuol incappare in risvolti negativi, la stanchezza fisica che mi attanagliava da mesi era diventata insopportabile.

Nella campagna Pistoiese ho scoperto un angolino di paradiso gestito da persone deliziose - un agriturismo immerso in  500 ulivi secolari nel quale conto assolutamente di ritornare in Settembre, prima della riapertura delle scuole. Quando si sta bene i giorni volano via in un soffio, purtroppo, ma le sensazioni vissute mi hanno fatto scoprire una grande sinergia di pensiero con la proprietaria...salutandoci ci siamo promesse un nuovo incontro.
I bambini hanno giocato addirittura "a calcio" con un agnellino di nome Vito! L'entusiasmo era alle stelle e tornare a casa, alla vita di tutti i giorni, soprattutto per il piccolo Christian, non è stato semplice, credo abbia pianto ininterrottamente per quasi 1/3 del viaggio in auto da Pistoia a Reggio Emilia, poi è crollato di sasso per sfinimento ed ha dormito sino a casa.
E' stata una breve vacanza all'insegna del buon cibo e della tranquillità. Pochi spostamenti mirati per poter godere appieno le bellezze della campagna che ci ospitava.
Siamo stati in un allevamento di pecore a comprare il pecorino toscano più buono che abbia mai assaggiato; essendone ghiotti è stato inevitabile non combinare un incontro diretto con il produttore. Sono stata da Barni a comprare altre rose per il giardino - Vi ricordate che lo scorso settembre ne avevo ordinate per corrispondenza? Ebbene, sono quasi tutte fiorite, bellissime e vigorose, non potevo certo lasciarmi sfuggire l'occasione di visitare il roseto Barni personalmente?!...Pistoia tra l'altro è città delle piante (scoperto all'arrivo, non lo sapevo), qualcuno dice che ci siano più vivai e coltivatori di piante che abitanti; oltre che da Barni siamo stati a fare un giro nel più grande vivaio di Toscana e preso un'ortensia color ciclamino davvero stupenda.


E poi una giornata in gita a Vinci, al museo di Leonardo di cui Vi mostro qualche scatto in questo post unitamente alle foto dei Cannoli salati di Pasta Phyllo con Crema di Piselli, Mandorle, Prosciutto di Praga, Ricotta di Bufala e Parmigiano; certo non è una preparazione poco calorica, lo ammetto! In compenso ogni morso è un vero momento di piacere! Non sono tipo da stravizi alimentari, ma ogni tanto un piccolo peccatuccio di gola me lo concedo!

Cannoli salati di Pasta Phyllo con Crema di Piselli, Mandorle, Prosciutto di Praga, Ricotta di Bufala e Parmigiano.
INGREDIENTI per 12 Cannoli:
5 Fogli di Pasta Phyllo
50 gr di Burro
500 gr di Pisellini
100 gr di Prosciutto di Praga in una fetta unica
250 gr di Ricotta di Bufala
100 gr di Parmigiano grattugiato
Mandorle pelate q.b.
Sale q.b.

Occorrente:
12 Forme per Cannoli
TEMPI DI PREPARAZIONE:
Tempo di lavorazione 30’
Tempo di cottura 20’
Tempo di riposo 30’
PREPARAZIONE:
Ponete la ricotta in un colino a maglia fine a spurgare.
Sbollentate i pisellini in abbondante acqua leggermente salata per 8’ da presa bollore.
Scolateli e lasciate freddare.
Intanto fondete il burro ed utilizzatelo per spennellare i fogli di pasta phyllo; dopo aver spennellato il primo foglio adagiatevi sopra il secondo, spennellate ed adagiatevi sopra il terzo ecc.
Preriscaldate il forno a 180°C con modalità statica e foderate di carta forno un’ampia leccarda. Spennellate le forme per cannoli con il burro e con una rotella tagliapasta suddividete in 12 quadrati la sfoglia multistrati.
Avvolgete ogni forma di cannolo con un quadrato di pasta e sigillate con un po’ di burro fuso la giuntura della pasta affinché tenga la forma.
Infornate per 7-10’ o finché risulteranno dorati, ma non bruciati.
Intanto frullate i piselli con un pz. di sale e riducete in dadini il prosciutto.
Sfornate i cannoli e lasciateli freddare per circa 30’.
Amalgamate la purea di piselli con la ricotta, il parmigiano ed il prosciutto e ponete in una sacca da pasticceria lasciando riposare in frigo sino al momento di utilizzo.
Con estrema delicatezza sfilate la forma dai cannoli e farciteli con la crema di piselli. Decorate con le mandorle.



Al prossimo racconto commestibile,
A.


*L'alzatina modello Papillon è un omaggio di Pavonidea.

ZUCCHINE PER #SEGUILESTAGIONIGIUGNO {RIPIENA, VELLUTATA, QUICHE, GNOCCHI}


Secondo appuntamento con #seguilestagioni, il post mensile condiviso con un gruppo di blogger che come me credono nell'importanza del rispetto verso la stagionalità dei prodotti e nel consumo ragionato di frutta e verdura di stagione a scapito di prodotti frutto di coltivazioni forzate contro-stagione. Per il mese di Giugno ho scelto come mio ingrediente preferito la Zucchina, verdura che ho imparato ad amare da grandicella, da piccola la detestavo. Quando poi alle medie mia madre un giorno mi fece assaggiare un panino con le zucchine "alla Scapece", la mia prospettiva verso quest'ingrediente cambiò e via via nel corso degli anni le zucchine sono diventate una vera passione...se ripenso al panino con le zucchine "alla Scapece", non posso far a meno di sorridere perché è legato ad uno strano gioco del destino: 5-6 anni dopo le medie conobbi quello che oggi è diventato mio marito e uno dei primi confronti alimentari che avemmo fu proprio sul Ns amore condiviso e smoderato per il panino con le zucchine "alla Scapece"! Nella fase di corteggiamento, mi portò in un piccolo cinema di periferia che dava ciclicamente vecchi classici, non proprio in linea per dei 19enni medi, ma perfetto per Noi due ragazzi retrò...guardammo una proiezione di Totò, il film "Un Turco Napoletano" del 1953, nel quale c'è una scena in cui in una stipula di contratto di matrimonio vengono citate le suddette zucchine "alla Scapece"! (*in fondo al post la scena del film).

Per questo post dedicato alla Zucchine ho pensato di non proporVi la ricetta di famiglia delle zucchine "alla Scapece", una di quelle pochissime ricette che per motivi sentimentali non condividerò mai pubblicamente e che voglio preservare affinché resti "solo mia", ma per farmi perdonare ho pensato che in cambio di una potevo donarvene 4: Gnocchi con Zucchine e mollica al Prezzemolo, Vellutata di Zucchine con pistacchi tostati, Quiche "facile" alle Zucchine, Zucchine tonde ripiene al Tonno, Pinoli e Maggiorana...spero di aver compensato bene!


GNOCCHI CON ZUCCHINE E MOLLICA AL PREZZEMOLO.
INGREDIENTI PER 4-6 PERSONE:
2 grossi cipollotti freschi
2 grosse zucchine
150 ml di vino bianco secco
1 grossa fetta di pane raffermo
Prezzemolo fresco q.b.
40 gr di parmigiano grattugiato
1 kg di patate rosse farinose
300 gr di farina 0 + q.b. per la spianatoia
1 uovo
Noce moscata q.b.
Olio evo, sale e pepe bianco q.b.
TEMPI DI PREPARAZIONE:
Tempo di lavorazione 40'
Tempo di cottura 20'
PREPARAZIONE:
Lavate le patate e lessatele per 40' da presa bollore in abbondante acqua.
Scolatele, sbucciatele ed ancora calde passatele allo schiacciapatate.
Con la farina create un cratere sulla spianatoia e ponetevi le patate al centro; salate, aromatizzate con un po' di noce moscata ed aggiungete l'uovo.
Impastate sino ad ottenere un impasto liscio e senza grumi.
Infarinate la spianatoia e suddividete l'impasto in tanti filoni da circa 2 cm di diametro.
Tagliate i filoni in tocchetti di dimensioni regolari.
Incavate gli gnocchi aiutandovi con i rebbi di una forchetta o con l'apposito attrezzo in legno.
Lasciate riposare i Vs gnocchi per almeno 15' su di uno o più vassoi infarinati.
Intanto occupateVi del condimento; affettate sottilmente i cipollotti e lasciateli appassire in olio evo su fiamma dolce.
Spuntate ed affettate le zucchine che rosolerete insieme ai cipollotti - salate, pepate e bagnate con il vino.
Alzate la fiamma affinché l'alcool evapori.
Quando evaporato continuate la cottura a fiamma dolce con coperchio per 15'.
Mentre le zucchine completeranno la cottura, tritate nel mixer da cucina il pane insieme al prezzemolo, al parmigiano ed un filo d'olio.
Gratinate in padella la panure ottenuta.
Lessate gli gnocchi in abbondante acqua salata e quando affiorati in superficie scolateli.
Conditeli con le zucchine guarnendo con la mollica croccante.

*Info: Le dosi di farina per la preparazione degli gnocchi sono indicative, in quanto sulla base di fattori combinati di grado d'umidità tra patate e farina, il quantitativo di utilizzo di farina potrebbe essere maggiore della dose indicata.


VELLUTATA DI ZUCCHINE CON PISTACCHI TOSTATI
INGREDIENTI PER 4 PERSONE:
400 gr di zucchine
2 piccoli cipollotti
2 grosse patate
Brodo vegetale q.b.
40 gr di pistacchi
Olio evo, sale e pepe bianco q.b.
TEMPI DI PREPARAZIONE:
Tempo di lavorazione 15'
Tempo di cottura 30'
PREPARAZIONE:
Affettate i cipollotti.
Pelate le patate e riducetele in dadolata.
Spuntate ed affettate le zucchine.
Fate appassire i cipollotti in un filo d'olio evo ed aggiungete poi le patate facendole dorare.
Quando le patate risulteranno ben dorate aggiungete le zucchine lasciandole cuocere per circa 5'.
Salate e pepate il tutto ed aggiungete un paio di mestoli di brodo bollente portando a cottura in circa 20' avendo l'accortezza di aggiungere ulteriore brodo caldo se necessario.
Intanto scottate i pistacchi per qualche minuto in una padella antiaderente.
A fine cottura delle zucchine frullatele e servitele guarnendo con i pistacchi tostati.

*Consiglio: Per un piatto ancora più ricco, amalgamate alla vellutata della crema di formaggio morbido tipo quark o ricotta.

QUICHE "FACILE" ALLE ZUCCHINE
INGREDIENTI PER UNA TORTIERA DA CM 26 DI DIAMETRO:
1 rotolo di pasta sfoglia tonda
1 grossa zucchina
4 uova
200 ml di latte fresco
Abbondante ricotta salata grattugiata al momento
Pomodorini, olive nere di Gaeta ed erba cipollina per decorare
Sale e pepe q.b.
TEMPI DI PREPARAZIONE:
Tempo di lavorazione 20'
Tempo di cottura 45'
PREPARAZIONE:
Preriscaldate il forno a 160°C con modalità ventilata ed intanto sbattete le uova con il latte, un pizzico di sale ed una macinata di pepe.
Spuntate la zucchina ed affettatela sottilmente nel senso della lunghezza.
Disponete la pasta sfoglia in un tegame da forno antiaderente e spolveratene la superficie con abbondante ricotta salata grattugiata al momento.
Ricoprite con il composto di uova.
Adagiate sulle uova le zucchine disponendole a raggiera e salandole.
Decorate a piacere con pomodorini e olive precedentemente denocciolate.
Cuocete per 45' in forno caldo.
Quando raffreddata, guarnite la quiche con erba cipollina fresca.

*Consiglio: Preparate questa quiche/torta salata il giorno prima di servirla; è una di quelle preparazioni che con il lungo riposo acquistano maggior sapore ed aroma.

ZUCCHINE TONDE RIPIENE AL TONNO, PINOLI E MAGGIORANA
INGREDIENTI PER 4 PERSONE:
4 zucchine tonde
1 piccolo cipollotto
2 filetti di acciughe sott'olio
1 uovo
40 gr di pane raffermo
20 gr di pinoli
Maggiorana fresca q.b.
1 cucchiaio di capperi
30 gr di parmigiano grattugiato
100 gr di filetti di tonno sott'olio (evo) sgocciolati
Latte q.b.
Olio evo, sale e pepe bianco q.b.
TEMPI DI PREPARAZIONE:
Tempo di lavorazione 30'
Tempo di cottura 40'
Tempo di riposo 30'
PREPARAZIONE:
Tagliate le zucchine ad un'altezza tale per cui sia possibile creare una calotta superiore (*vedi foto).
Ponetele in un tegame colmo d'acqua salata su fuoco e fatele lessare per 10'.
Riducete intanto il pane raffermo in pezzetti e lasciatelo ammorbidire nel latte.
Tritate finemente il cipollotto e fatelo soffriggere a fuoco dolce con due cucchiai di olio evo e le acciughe precedentemente tritate.
Scolate le zucchine e lasciatele intiepidire.
"Scavate" le zucchine creando dei gusci contenitori.
Aggiungete la polpa svuotata delle zucchine al soffritto di cipollotto e acciughe lasciando cuocere per qualche minuto.
Tritate nel mixer il composto di cipolla e zucchine con il pane ammollato precedentemente ben scolato e strizzato, il tonno sgocciolato, i pinoli, i capperi, il parmigiano, l'uovo e la maggiorana; mixate il tutto sino ad ottenere un composto ben amalgamato.
Preriscaldate il forno a 180°C con modalità ventilata.
Riempite le zucchine con il composto ottenuto e disponetele in una pirofila leggermente oleata.
Spolverate con pepe, condite con un filo d'olio e cuocete per 30'.

*Nota: Potete preparare queste zucchine anche con un paio di giorni d'anticipo conservandole in frigo sigillate con pellicola. Sono ottime anche fredde!



Questa è la "lista della spesa" di Giugno e queste sotto le blogger che insieme a me hanno sposato la causa:

Ultimissime dal forno – Anna
La mia casa nel vento - Mariuccia
Pensieri e pasticci - Simona
S&V a colazione – Veronica
Sento i pollici che prudono – Adrialisa
GiardiNote – Chiara
Due bionde in cucina – Sabina
Lullaby Foodprops – Soribel
Vita da fata ignorante – Silvia
La gallina Rosita – Lucia
Alisa Design, Sew and shabby chic – Annalisa
Lismary’s cottage – Lisa
Coccola Time – Enrica
Coscina di pollo – Susy
Di cuore – Giuliana

Potete trovare #seguilestagioni anche su fb con una pagina dedicata, o su Instagram cercando l'ashtag #seguilestagioni.







Al prossimo racconto commestibile,
A.

P.S: Parto, vado in Toscana. Mi prendo qualche giorno di pausa, penso sempre e solo al lavoro, adesso però sento forte il bisogno di staccare un po' la spina...la campagna Toscana saprà ritemprarmi, ne sono sicura.




(*Totò - anno 1953 - Un Turco Napoletano - contratto di matrimonio con "Cocozzielli alla Scapece")